Missione relitti

Personaggi – Da architetto e agente immobiliare ad aiuto regista e assistente operatore: la storia di Lorenzo e Donatella
Lui agente immobiliare e lei architetto e filmaker. Ma Donatella Cervi e Lorenzo Venturini non sono solo compagni nella vita.
Entrambi comaschi, dividono lo studio professionale di via Garibaldi in centro città, ma soprattutto la passione per la subacquea. E così, questa coppia di quarantenni decisamente in forma ha iniziato ad avere una “doppia vita”. Trecento giorni l’anno sono professionisti alle prese con progetti, ristrutturazioni e vendite di case. Gli altri sessantacinque li passano
invece a caccia di relitti marini.
Li incontriamo al ritorno da una spedizione in Sardegna, tre settimane tra Capo Galera, Alghero, Poltu Quatu e l’Isola di Lavezzi in Corsica.
Più che di una spedizione si è trattato di una missione, visto che da qualche tempo Donatella è riuscita a unire la sua passione per la subacquea con quella di regista e ora è aiuto regista del format internazionale “Missione Relitti” e di “Blue”, realizzati dal documentarista e produttore romano Fabio Bove. Lorenzo, forte della sua esperienza sott’acqua, ha fatto invece per la prima volta da assistente operatore. Ma in queste situazioni da cosa nasce cosa e così compare pure in alcune scene come attore non protagonista, mentre Donatella Cervi è l’assoluta protagonista dei due format. In “Blue” in particolare sia per le scene in acqua sia per quelle fuori dall’acqua.
«La subacquea e l’acqua sono il mio ambiente naturale – spiega Donatella – Mio padre, che oggi purtroppo non c’è più, è stato tra i fondatori della Comosub quarant’anni fa. Io ho cercato di mantenere un legame con l’acqua in tutto ciò che ho fatto. Ho perfino scritto la tesi di Architettura sull’archeologia subacquea dell’Isola Comacina».
«L’archeologia subacquea mi ha sempre affascinata, ma le possibilità professionali non erano molte in quel campo – aggiunge – così ho deciso di studiare regia all’Istituto Europeo del Design. E durante una fiera ci siamo proposti a Fabio Bove per una collaborazione».
Donatella così si trova allo stesso tempo davanti e dietro la telecamera. Lei del resto undici anni fa aveva fatto da controfigura in acqua ad Anna Valle in un film girato proprio sul Lago di Como.
Lorenzo invece, da agente immobiliare appassionato di sport, si è trovato a fare un po’ di tutto.
«La troupe è composta da sole sei persone – spiega – si lavora dall’alba al tramonto tutti i giorni e pensare che c’è qualcuno che mi dice che sono stato in vacanza. Abbiamo girato quattro puntate e così ho dovuto imparare a fare il fonico, l’assistente operatore e mi sono trovato anch’io pure a recitare».
Ma veniamo alla scoperta dei relitti.
«La spedizione è iniziata con “Blue”, un nuovo programma che ha una visione diciamo più turistica – dice – Parla del mare, delle sue bellezze, ma anche delle località e dei servizi. Così abbiamo effettuato una serie di riprese molto affascinanti e spettacolari in grotta, oltre a delle immagini fuori dall’acqua».
Discorso diverso per “Missione Relitti”, fortunata serie di documentari che ha già festeggiato i dieci anni. In ogni puntata si vive una vera e propria storia ricca di pathos alla scoperta del mondo sommerso. «Il primo obiettivo è stato l’Angelika – spiega Lorenzo – mercantile greco affondato nel 1982 in prossimità di Punta Marmorata. Si tratta di un relitto molto famoso e visitato. È diviso in tre tronconi per una lunghezza di quasi cento metri. Oggi è colonizzato dalle alghe che contribuiscono a rendere l’atmosfera spettrale». Da un paradiso dei subacquei all’altro, Donatella, Lorenzo e tutta la troupe si sono poi spostati nell’Isola di Lavezzi per girate nella cosiddetta “Città delle cernie”.
«Questi pescioloni di 40, 50 chili che ormai si sono abituati a vivere con l’uomo sono una cosa unica per i nostri mari – dice ancora Lorenzo – e tra un incontro ravvicinato con un polpo e con una cernia è stata realizzata la seconda puntata della serie».
Le missioni di Donatella e Lorenzo si vedranno da gennaio sui canali specializzati satellitari e del digitale terrestre (tra i quali Acqua e Yacht&Sail).

Paolo Annoni

Nella foto:
Donatella Cervi esplora il relitto Angelika

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.