Mobilità sostenibile sul lago, convegno e sfilata

Barca Villa d'Este

Il tema della mobilità sostenibile riproposto con un evento a Villa d’Este, programmato per il prossimo fine settimana.
Poche settimane fa erano state protagoniste le automobili, con l’EcoGreen, gara nazionale organizzata dall’Aci con base al Tempio Voltiano e percorsi della competizione (di regolarità) disegnati fra Triangolo Lariano, Brianza e la Valle Intelvi.
Nel weekend è stata organizzata una iniziativa dedicato al futuro della mobilità elettrica sulle acque del lago. L’albergo cernobbiese ospiterà infatti Villa d’Este Style-Electric Yachting, realizzato in collaborazione con la Fondazione Alessandro Volta e con e il Cantiere Ernesto Riva.
Sabato 11, dalle 16 alle 18 è prevista una tavola rotonda incentrata sullo sviluppo della nautica elettrica e sulla celebrazione del 140 anni della creazione dell’unità di misura Volt. Insieme a Luca Levrini, presidente della Fondazione Alessandro Volta, affronteranno le varie tematiche Francesco Braghin, (Politecnico di Milano), Marco Casiraghi (Montecarlo Solar & Energy Challenge), Lucio Fregonese (Università di Pavia) e Andreas Schimanski di Ecocoach Ag, con la moderazione del giornalista Francesco Condoluci.
Domenica, dalle ore 10 alle 12 si terrà la presentazione di una novità del Cantiere Riva e, a seguire, la navigazione delle imbarcazioni elettriche verso Como, con un omaggio al Tempio Voltiano.
«Como e il suo lago – afferma Luca Levrini, presidente della Fondazione Alessandro Volta – rappresentano la cornice ideale per accompagnare lo sviluppo della mobilità lacuale sostenibile. Al progresso di tale settore bisogna necessariamente associare una cultura che convintamente supporti, senza deroghe, ogni azione nel rispetto della natura.
«Il Lario – conclude – è candidato naturale a essere luogo di tutto questo, anche perché Alessandro Volta amava la natura, la imitava a beneficio dell’uomo, la rispettava nel desiderio di integrarsi ad essa, esattamente come oggi potrebbe fare un motoscafo elettrico».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.