Moltrasio, stalking nei confronti dei propri condomini: a processo la padrona di casa

Moltrasio

Stalking nei confronti dei propri condomini, ma anche danneggiamento della loro auto, rigata per intero dal lato del guidatore. Una signora di Moltrasio, 64 anni, proprietaria dell’appartamento (monolocale) in cui vivevano le presunte vittime, è stata rinviata a giudizio dal giudice dell’udienza preliminare di Como. Appuntamento con l’aula che è stato fissato per il prossimo novembre. I problemi sarebbero iniziati – secondo quanto ricostruito dalla pubblica accusa – dopo la segnalazione da parte degli inquilini di problemi di salute alla loro piccola (appena nata) per questioni di umidità nell’appartamento.

Sarebbero iniziati dopo questo fatto, una serie di atti persecutori che sono poi confluiti nel capo di imputazione. Il pubblico ministero Massimo Astori ha infatti contestato di avere più volte e di proposito interrotto l’erogazione di corrente elettrica (costringendo in un caso, la mamma, ad andare dai nonni per fare da mangiare alla neonata), ma anche di aver piazzato vasi di fiori sulla porta di ingresso dell’appartamento nel condominio di Moltrasio per impedire l’ingresso e l’uscita dalla casa.

La donna finita davanti al giudice è stata anche accusata di insulti nei confronti della coppia di suoi condomini in affitto, di aver preso a pugni la porta, di aver lanciato loro contro dei pezzi di legno e di aver bagnato volutamente con la canna dell’acqua le finestre dell’abitazione della coppia. Inoltre, avrebbe inviato una lettera al sindaco per denunciare l’occupazione abusiva della casa e anche per indicare la coppia come appartenente alla criminalità organizzata. Una serie di comportamenti che la procura di Como ha racchiuso nella contestazione di stalking compresa tra il maggio del 2018 e l’agosto del 2019.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.