Orsenigo: “La crisi è un terreno fertile per le mafie”

Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Partito Democratico

“Le fragilità delle famiglie e delle imprese, piegate in questo periodo dalle ricadute economiche della pandemia, rappresentano una possibile grossa opportunità per la criminalità organizzata. Come ha evidenziato anche la relazione semestrale della Dia, la Lombardia è la prima regione Italiana per operazioni finanziarie sospette segnalate all’autorità giudiziaria. Al monitoraggio di queste situazioni di sofferenza delle attività deve quindi aggiungersi la necessità di adeguati interventi dello Stato a sostegno di chi è colpito dalla crisi e un’azione intelligente del sistema finanziario” dichiara Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Partito Democratico e membro della Commissione Speciale Antimafia di Regione Lombardia, nel giorno in cui Direzione investigativa antimafia ha presentato la propria relazione semestrale in Parlamento.

“Sappiamo purtroppo che a Lombardia è da tempo considerata terra di conquista per le organizzazioni criminali. La nostra produttività, il nostro lavoro e i nostri scambi sono visti come una ricchezza da assaltare per chi vive di estorsioni, usura e riciclaggio. Quindi la lotta alle mafie deve essere combattuta su più fronti, con il massimo coinvolgimento possibile, perché pezzi importanti delle nostre realtà professionali e amministrative stanno rischiando molto. E il nostro futuro dipende dalla salute delle nostre aziende e dei nostri lavoratori – continua Orsenigo che conclude – L’ottimo lavoro delle forze dell’ordine e della magistratura ha bisogno del supporto di tutti, soprattutto per prevenire oltre che perseguire. 

Lunedì 15 marzo 2021 alle 20.30 in diretta Facebook, il consigliere Orsenigo dialogherà di legalità e lotta alla mafia in tempi di Covid con il professor Nando dalla Chiesa, sociologo, scrittore e Presidente Onorario di Libera. La diretta sarà visibile sulla pagina Facebook del consigliere (https://www.facebook.com/AngeloOrsenigoRegioneLombardia)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.