Nessi sulla Ticosa: «Si ripensi all’hub della creatività»

Area ex Ticosa

Profondamente critica anche la riflessione di Vittorio Nessi, capogruppo di Svolta Civica a Palazzo Cernezzi sulle ipotesi di destinazione dell’ex Ticosa presentate dal sindaco di Como, Mario Landriscina, tra università in Santarella, maxi-parcheggio e aree verdi e sportive.

«Ricucire alla città un luogo così importante come la Ticosa non può passare solo attraverso la realizzazione di opere pur necessarie come parcheggi e verde pubblico che farebbero vivere solo di giorno una zona strategica del territorio» commenta.

«Riqualificare quello spazio significa ipotizzare anche funzioni che generino attrattività – evidenzia Nessi – per una città fortemente indebolita nella sua vocazione imprenditoriale. Como ha bisogno di richiamare giovani, ha bisogno di lavoro innovativo, di cultura, di sensibilità internazionale nel campo delle idee, di dotazioni di lavoro».
Il capogruppo di Svolta Civica crede che una parte dell’area sia da destinare anche ad abitazioni.

L'ex magistrato e scrittore Vittorio Nessi
Vittorio Nessi

«Per tutto questo servono servizi abitativi dotati di ottimi standard a canoni calmierati – dice – servizi comuni che potrebbero essere realizzati a sostegno di quell’hub della creatività come ipotizzato in un progetto, peraltro già finanziato, che è stato accantonato con troppa superficialità dalla giunta Landriscina».
«È giunto il tempo che alle parole vuote si sostituiscano progetti, studi, analisi di costi e finanziamenti, di cose concrete insomma» conclude Vittorio Nessi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.