Notte nella casa disabitata: 17enne cade nel vuoto

altUn gruppo di sei amici voleva ascoltare musica
Quella che doveva essere una serata all’insegna della musica e del divertimento tra coetanei in vacanza, ore da trascorrere in una casa in via di costruzione ma da anni incompleta, ha invece rischiato di trasformarsi in tragedia.
Con un ragazzo di appena 17 anni che dalle 23 di mercoledì è ricoverato all’ospedale di Gravedona in prognosi riservata.
Le sue condizioni sono definite gravi.
Il fatto è avvenuto a Plesio, in via per Barna.

Intorno alle 23 di mercoledì, sei ragazzi minorenni, quasi tutti 17enni, sono entrati un una casa che da anni è in costruzione senza però mai essere stata ultimata. 

L’avrebbero fatto, a sentire il loro racconto, perché volevano ascoltare musica ad alto volume senza essere disturbati e con una splendida vista sulla vallata.
La serata però – all’improvviso – si è tinta con i colori del dramma.
Ad un certo punto infatti, uno dei ragazzi – un 17enne di Bellusco, in provincia di Monza Brianza – forse a causa del buio completo che avvolgeva la casa, ha messo un piede in fallo scivolando all’interno del buco lasciato per la costruzione della tromba delle scale.
Un volo nel vuoto di almeno due metri e mezzo, tra un piano e l’altro della casa.
Il giovane avrebbe poi battuto il capo violentemente sui gradini.
I soccorsi sono stati molto complicati, tanto che per recuperare il ferito si è reso necessario non solo l’arrivo del 118, ma anche quello dei vigili del fuoco in quanto il 17enne era in un punto difficilmente raggiungibile.
Alla fine comunque il ragazzo è stato recuperato e trasportato d’urgenza all’ospedale di Gravedona dove è ricoverato in prognosi riservata.
Sul posto a Plesio sono giunti anche i carabinieri della stazione di Menaggio e del Nucleo radiomobile che hanno compiuto un sopralluogo sentendo le testimonianze dei presenti. Al momento non è ancora stato preso alcun provvedimento.
Due però sono, inevitabilmente, le strade che dovrebbero essere percorse. La prima riguarda i sei 17enni – quattro ragazze e due ragazzi (compreso il ferito) – che si trovavano in un punto dove non dovevano stare, violando dunque una proprietà privata.
Il secondo punto è invece quello che porterà ai proprietari della casa che devono ancora essere individuati. C’è infatti da appurare se la costruzione fosse sufficientemente in sicurezza per rendere impossibile l’accesso degli estranei. Una indagine dunque che è appena all’inizio e che rimane al momento in secondo piano in quanto quello che conta è la salute del 17enne ricoverato in ospedale a Gravedona.

M.Pv.

Nella foto:
Il ragazzo precipitato è ricoverato in gravi condizioni (la prognosi è riservata) all’ospedale di Gravedona

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.