Cronaca

Oggi scade il bando da 7 milioni. Progetti da Como, Erba e Cantù

alt

Fondazione Cariplo
Campus, Villa Olmo ma anche Teatro Licinium e Lariofiere

(m.d.) Campus universitario ma non solo. A concorrere a una fetta dei 7 milioni di euro messi a disposizione della provincia di Como dalla Fondazione Cariplo nell’ambito dei cosiddetti “interventi emblematici maggiori” non è soltanto Univercomo, che chiede 5 milioni di euro per realizzare il primo lotto della cittadella universitaria in una porzione dell’ex ospedale psichiatrico del San Martino.
I progetti in lizza, almeno quelli emersi nelle scorse settimane, sono una decina e non riguardano

soltanto il capoluogo, ma arrivano anche da Erba e da Cantù.
Il termine per la scadenza delle domande di ammissione al bando scade oggi. Sarà poi la stessa Fondazione Cariplo a decidere quali progetti verranno finanziati. A esprimersi in tal senso saranno, oltre al presidente della Fondazione, l’avvocato comasco Giuseppe Guzzetti, il commissario straordinario della Provincia di Como, Leonardo Carioni, i membri lariani della Commissione centrale di beneficenza della Fondazione e il presidente della locale Fondazione di comunità.
Qualora il progetto contempli un contributo finanziario della Regione, avrà voce in capitolo anche il presidente della Lombardia, Roberto Maroni. Il bando, infine, prevede che possano essere finanziati non più di 5 progetti e che i contributi accordati non possono essere inferiori a un milione di euro.
Cinque dei sette milioni di euro messi a disposizione dalla Fondazione Cariplo dovrebbero andare a Univercomo per il primo lotto del campus al San Martino.
Restando nel capoluogo, un paio di milioni di euro li chiede anche il Comune di Como per il restauro di Villa Olmo e la riqualificazione del parco circostante, vecchie serre comprese. Punta invece a ottenere un milione e mezzo di euro la Ca’ d’Industria per riqualificare la casa di riposo di via Brambilla, che rischia di perdere l’accreditamento regionale se non verranno eseguiti una serie di lavori di messa a norma.
Al di fuori del capoluogo, da registrare il progetto presentato dal Comune di Erba, che prevede un contributo di circa 1,7 milioni di ero per rilanciare il polo culturale costituito dal Teatro Licinium, da Villa Candiani e dalla scalinata monumentale dell’architetto razionalista Giuseppe Terragni. Sempre da Erba arriva la richiesta di 1 milione e 800mila euro avanzata da Lariofiere per la realizzazione di un nuovo padiglione espositivo, dall’altra parte della strada rispetto all’attuale disposizione del polo fieristico.
Il Comune di Cantù, infine, bussa alla porta della Fondazione Cariplo con ben tre progetti. Il primo riguarda l’ampliamento della casa di riposo Garibaldi Pogliani, il secondo prevede il trasferimento del centro diurno per disabili di Cascina Amata nella ex caserma della guardia di finanza di Capiago Intimiano mentre il terzo punta alla creazione di una rete di welfare civico a favore delle famiglie a basso reddito.

Nella foto:
15 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto