Oltre al danno anche la beffa: il ciclista Ballerini multato dopo l’incidente

La bicicletta di Davide Ballerini e i rilievi della Polizia locale
La bicicletta di Davide Ballerini e i rilievi della Polizia locale
La bicicletta di Davide Ballerini e i rilievi della Polizia locale

Investito da un’automobile e pure multato. È la beffa – oltre al danno – a carico del giovane ciclista professionista canturino Davide Ballerini, 23 anni, reduce da un esaltante Giro d’Italia. E reduce anche, giovedì pomeriggio, da un investimento in via per Cernobbio, a Como.

Nessuna ferita grave: il ciclista è stato portato all’ospedale Sant’Anna per gli accertamenti di rito e fortunatamente ha riportato ferite solo lievi. Ma dovrà pagare una multa: l’articolo 182 del Codice della Strada, infatti, obbliga i ciclisti a percorre le piste ciclabili ove presenti, pena una sanzione da 25 a 100 euro.

L’agente di polizia locale ha quindi multato Ballerini, ma la situazione è paradossale: la pista ciclabile di via Per Cernobbio, infatti, altro non è che il marciapiede, all’inizio del quale è installato un cartello che autorizza il passaggio dei ciclisti. Di fatto, però, quella pista ciclabile può bastare per una mamma a passeggio.

Se invece sul marciapiede, con pedoni e bambini, sfrecciasse un ciclista professionista in allenamento, che nella peggiore delle ipotesi viaggia a 40 chilometri orari, sarebbe a dir poco pericoloso. Ma la legge è legge, anche quando l’applicazione sembra paradossale. E così Ballerini è stato multato. Ma è stato multato anche l’automobilista per l’inversione senza concessione della precedenza.

Articoli correlati

2 Commenti

  • Avatar
    IVO , 2 Giugno 2018 @ 16:01

    I ciclisti sono obbligati ad usare le piste ciclabili, quando sono presenti, ma NON le piste cicloPEDONALI. Ovvero se la pista è ad uso promiscuo di ciclisti e pedoni, i ciclisti possono scegliere se usare la pista o pedalare in strada.

  • Avatar
    Michele , 1 Giugno 2018 @ 21:37

    L’agente ha sbagliato, perchè l’uso della ciclabile è obbligatorio solo se la stessa è ad uso esclusivo delle biciclette. Se è ad uso misto è facoltativo. vedi parere ministeriale n. 4140 del 19.01.2009

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.