“Orticolario”, presentata l’undicesima edizione

Moritz Mantero

Autunno nel segno della cultura del verde a Villa Erba con un viaggio tra essenze rare e preziose. Stamani a Milano allo spazio Ethimo è stata presentata l’edizione 2019 di Orticolario, la manifestazione di Cernobbio dedicata al giardinaggio evoluto come sintesi di bellezza, natura e cultura.
Una scommessa vinta che arriva alla undicesima edizione con un bagaglio importante. Sintetizzato da numeri che parlano da soli: 30.000 i visitatori attesi, 280espositori coinvolti, ben 3.000 bambini ospitati nelle attivita ludiche e didattiche nell’edizione del 2018, e poi il ruolo economico sul territorio: 25.200 €euro destinati a progetti sociali nel 2018 e 36.000 euro di l contributo alle attività culturali realizzate a Orticolario edizione 2018.
Quest’anno l’appuntamento è dal 4 al 6 ottobre, per una edizione dedicata al tema del viaggio, intitolata “Fantasmagoria” e dedicata alle bacche e ai piccoli frutti. Nella dimora che ospitò il regista Luchino Visconti, nel parco e nel centro espositivo disegnato dall’architetto Mario Bellini troveranno posto oltre ai consueti espositori selezionati piante che giungeranno sul Lario da Paesi lontani. Sarà letteralmente un viaggio intorno al mondo da compiere in giardino, in mezzo alla natura.
Come sempre Orticolario accentua anche quest’anno la propria natura originale: non è un garden show, né tantomenouna mostra-mercato, è soprattutto un evento culturale e artistico per la cultura del paesaggio. “L’Isola del tesoro”, è il titolo della installazione del Padiglione Centrale firmata dal paesaggista Vittorio Perettoe ispirata all’Isolino Virginia del Lago di Varese), il sito Unesco più antico dell’arco alpino.
Ospite d’onore quest’anno sarà Paolo Bürgi, architetto paesaggista tra i più apprezzati a livello internazionale, a cui viene assegnato il premio “Per un Giardinaggio Evoluto” 2019. Sarà anche un modo per ricordare Emilio Trabella, botanico lariano recentemente scomparso. Era stato proprio lui a suggerire per il premio il noto paesaggista elvetico. Per Moritz Mantero, presidente di Orticolario, «l’undicesima edizione è il giro di boa verso il secondo decennio dalla fondazione. Una vera sfida per un evento come il nostro, dal doppio valore culturale e sociale. Siamo pronti a iniziare un altro viaggio, a meravigliare e a essere ispirazione, sempre nel segno della bellezza della natura, nostra prima musa ispiratrice».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.