Ospedali e 118 sotto pressione. Problemi respiratori: in aumento le chiamate

Emergenza Covid a Como

Il calo della diffusione del contagio è ancora poco visibile. Anzi, i numeri ieri sono tornati a salire in quasi tutti i parametri di controllo. La terza ondata della pandemia in provincia di Como non allenta la presa. Non cresce più (come conferma Ats), o almeno non sembra, ma nemmeno cala in modo visibile. La situazione, insomma, è di sostanziale stallo, con anche indici in peggioramento e non solo in miglioramento.

Partiamo dagli ospedali, che sono rimasti stabili sia nelle terapie intensive sia negli altri reparti. Nelle strutture dell’Asst Lariana c’erano ieri 339 degenti per Covid, numericamente gli stessi del giorno precedente. Anche nelle terapie intensive il numero è rimasto invariato, 25.
Dati che combaciano anche a livello regionale, visto che in tutti gli ospedali della Lombardia il numero delle terapie intensive per Covid è rimasto inalterato (845) mentre i ricoverati complessivi sono addirittura calati di 46 posti letto (7.132 in totale).
Aumenta invece il numero delle persone in attesa al pronto soccorso del Sant’Anna e a quello di Cantù: ieri mattina erano 27, il giorno precedente 24, con un saldo purtroppo di +3.

I nuovi positivi


Ieri il conteggio giornaliero dei nuovi positivi ha fatto registrare un pesante +421, mentre 24 ore prima erano stati 279. In generale, dall’inizio della settimana la situazione è peggiore rispetto alla settimana precedente. In peggioramento anche l’indice dei contagiati su base settimanale ogni 100mila abitanti, che dopo due giorni di calo ieri è passato da 333 a 345. Stiamo parlando di valori ancora “fragili”, che non indicano un reale consistente peggioramento ma nemmeno, purtroppo, un miglioramento della situazione. E la conferma ulteriore arriva dalle telefonate del 118: l’ultimo dato disponibile è quello del 24 marzo, quando si erano registrate 140 richieste di soccorso per problemi respiratori. Il giorno precedente, il 23 marzo, erano state 100. Quindi, anche in questa voce, si è verificato un peggioramento della situazione. Non rimane che attendere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.