Palasport di Cantù, c’è l’accordo tra Comune e Cassa Depositi e Prestiti

Rendering del nuovo palazzetto palasport di Cantù

Il sindaco: «Ho preso un impegno con la mia città per questo progetto»

Nuovo Palasport di Cantù: Comune della Città del Mobile e Cassa Depositi e Prestiti hanno firmato un accordo per una consulenza tecnico-finanziaria.
La storia del palazzetto canturino – paradigma dell’opera incompiuta – impone però ancora la massima prudenza: quarant’anni e due tentativi naufragati hanno insegnato ai canturini ad affrontare l’argomento evitando facili entusiasmi. Ma l’iter è avviato, e l’accordo chiuso nelle scorse ore va registrato come un nuovo, piccolo passo in avanti.
Cassa Depositi e Prestiti fornirà al Comune di Cantù una consulenza tecnico-finanziaria, della durata di 36 mesi, per tutte le fasi del progetto: programmazione, progettazione, affidamento lavori ed esecuzione. Il progetto è stato presentato lo scorso ottobre dalla Pallacanestro Cantù: in viale Europa si prevede un’arena da 5.200 posti, uno spazio polifunzionale omologato per ospitare tutti gli eventi indoor con due palestre da 200 posti l’una. All’esterno, oltre ai relativi parcheggi, è prevista la costruzione di campo da basket playground.
«L’obiettivo comune e imprescindibile è garantire che tutto prosegua linearmente e vengano effettuati tutti gli approfondimenti e le verifiche necessarie, opportuni per la buona riuscita dell’intero progetto», commenta il sindaco di Cantù Alice Galbiati, prima di ribadire «l’impegno preso con la mia città nel voler finalmente concludere questo ambizioso progetto da troppo tempo ormai rimasto in sospeso».
«Supportiamo il Comune di Cantù nella realizzazione di una struttura all’avanguardia – aggiunge Paolo Calcagnini, vicedirettore generale di Cassa Depositi e Prestiti – un impianto sportivo moderno e sicuro e allo stesso tempo dotato di spazi per altre attività commerciali e sociali». L’obiettivo resta rendere operativo l’impianto a partire dalla stagione sportiva 2023-2024. Si parla invece di inizio di maggio per per la presentazione di quello che è il progetto definitivo dopo alcuni correttivi richiesti nelle ultime settimane.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.