Papà ed eroe: salva la famiglia dalle fiamme della barca

fiamme porlezza

Cima di Porlezza. Nel primo pomeriggio
Ha salvato la famiglia (la moglie e due figlie piccole, rispettivamente di 11 e 12 anni) dalle fiamme della barca che stava bruciando. Poi è tornato al largo per abbandonare il natante e riguadagnare la riva a nuoto. Il papà-eroe è un 56enne della Svizzera tedesca, che poco prima dell’una di ieri pomeriggio si trovava a navigare sul Ceresio di fronte all’abitato di Cima di Porlezza. 

Una vacanza in tranquillità da trascorrere al lago, che tuttavia aveva in serbo una sgradita sorpresa. Il motore della barca infatti, all’improvviso, è andato a fuoco coinvolgendo in poco tempo anche il natante. 

Un guasto che, secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, dovrebbe essere partito dal surriscaldamento del fuoribordo. Le fiamme, come detto, piano piano hanno iniziato ad avvolgere la barca dove si trovavano in quattro: il 56enne padre di famiglia, la moglie di 47 anni e le due figlie di 11 e 12 anni. L’uomo, a questo punto (tra l’altro dimostrando un sangue freddo notevole) ha puntato verso la riva, per poi scaricare moglie e figlie su una spiaggetta nei pressi di Cima di Porlezza. A questo punto, il 56enne ha pensato di riguadagnare il largo per evitare esplosioni e rischi. Una volta lontano da riva, si è buttato in acqua nuotando fino alla riva. 
All’arrivo dei soccorsi tutti erano già in salvo per merito del coraggioso papà. Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di Porlezza, ma anche i vigili del fuoco di Como e la guardia di finanza. 
I quattro componenti della famiglia della Svizzera tedesca stanno tutti bene e nessuno è rimasto né ferito né intossicato. 
Quella di ieri insomma si è chiusa per fortuna come una brutta disavventura sul Ceresio, ma senza alcuna conseguenza se non i danni (notevoli) alla barca.

M.Pv.

Nella foto:
Una lettrice ha ripreso dall’alto le fiamme della barca che bruciava a Cima di Porlezza

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.