Paralimpiadi di Tokyo, Cecchetto conquista l’oro

Cecchetto Oro Tokyo

Nuovo trionfo a cinque cerchi per il comasco Paolo Cecchetto: dopo l’oro di Rio de Janeiro il 54enne di Lurago Marinone ha concesso il bis a Tokyo. Cinque anni fa in Brasile il successo era arrivato nella corsa in linea; ieri, invece, il gradino più alto del podio è giunto con la squadra azzurra nella staffetta, il cosiddetto “team relay”.
Paolo Cecchetto, Luca Mazzone e Diego Colombari hanno dominato la corsa. Il trio azzurro si è portato al comando già al termine del primo round, grazie alla prova di Colombari. Gli italiani sono poi riusciti a conservare la leadership avanzando pedalata dopo pedalata, congelando le speranze di rimonta degli avversari.
La staffetta si è chiusa con un tempo di 52’32’’ che ha garantito al gruppo di Mario Valentini la medaglia d’oro, la prima a Tokyo, con 31’’″ di vantaggio rispetto a una Francia in gran crescita nell’ultima frazione e con 39’’ rispetto agli Stati Uniti.
«Abbiamo raggiunto l’obiettivo che abbiamo sognato per cinque anni, finalmente il nostro sogno si è realizzato» ha spiegato il comasco Cecchetto al termine della cerimonia di premiazione. Ha poi voluto dedicare la vittoria ad Alex Zanardi: «Un pezzo di questa medaglia va anche a lui». Zanardi, infatti, prima dell’incidente del 2020 in Toscana, faceva parte della squadra azzurra e proprio con l’atleta lariano aveva conquistato una lunga serie di trofei.
Delusione per il canturino d’adozione Fabio Anobile, che ha sfiorato la riconferma del bronzo di Rio 2016. L’azzurro ha perso la volata con il francese Alexandre Leaute e ha chiuso quarto la prova in linea C1-3. «È stata una gara molto dura. Ho dato il massimo e nonostante non sia arrivato a medaglia posso ritenermi soddisfatto» ha commentato Fabio.

Paolo Cecchetto
Paolo Cecchetto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.