Paratie, il consigliere di 5 Stelle scrive una preghiera laica

1paratie2Luca Ceruti e la sua “Rain Blues”: “Vogliamo le scuse”

Mancava nell’ampia letteratura sulle paratie un componimento in versi. Ha colmato questa lacuna il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Luca Ceruti, con la sua “Rain Blues” (Preghiera laica ai nostri attuali e trascorsi amministratori). Ceruti scrive: “Dopo un anno trascorso praticamente sempre “a mollo” il salvifico cantiere delle paratie si è dimostrato per quel che è: un’occasione di speculare con soldi dei cittadini, senza una benché minima consistenza di utilità tecnica e scientifica”.

“Ma è davvero così difficile – prosegue Ceruti – per i comaschi non vedere questa enorme presa per i fondelli? Forse è troppo grande e vicina, forse soffrono tutti di presbiopia!”Ecco di seguito il suo componimento:
VOGLIAMO LE SCUSE
Rain Blues
(Preghiera laica ai nostri attuali e trascorsi amministratori)
Altro che Maroni a Como a dispensar denari (nostri peraltro).
Vogliamo le scuse.
Le vogliamo tutte!
Piove che dio la manda da un anno e il Lario ha fatto solo un timidissima, innocua comparsa in Piazza Cavour.
Vogliamo le scuse
Le vogliamo sincere!
Piove come mai da 80 anni (così ci dicono) ma delle paratie nessuno sente l’esigenza.
Vogliamo le scuse
Le vogliamo concrete!
Perché nessuno può dirsi “democratico” quando tratta i cittadini (i suoi capi!) da sudditi
Vogliamo le scuse
E fate in fretta a darcele!
Anche se capiamo il vostro silenzio, a voi la pioggia non disturba affatto
forse perché alle critiche, e alla democrazia
siete IMPERMEABILI!

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.