Parcheggio selvaggio fuori dalle scuole. L’assessore: «Le regole e i divieti di sosta vanno rispettati»

auto in sosta in via Gramsci in attesa uscita ragazzi da scuola

«Ci sono delle regole e vanno rispettate. Se c’è un divieto di sosta, non si può lasciare l’auto, anche per tutelare la sicurezza dei propri figli». Il commento è dell’assessore comunale alla Polizia locale Elena Negretti, in merito ai disagi quotidiani causati dai veicoli in sosta selvaggia negli orari di entrata e uscita degli studenti alla scuola media Parini di via Gramsci a Como.
«Invadere la corsia di marcia – dice sempre l’assessore – mi sembra poco rispettoso anche nei confronti di chi possa aver bisogno in quei minuti di un soccorso sanitario, visto che lì si trova la sede della Croce rossa e vi è quindi la possibilità che le ambulanze si trovino imbottigliate nel traffico». Il tema è molto sentito in relazione anche ad altre scuole della città. «All’Istituto “Magistri Cumacini”, ad esempio, le auto vengono parcheggiate persino sulle fermate degli autobus. Basterebbe un po’ di buon senso – conclude Negretti – Verificherò al più presto il caso di via Gramsci, insieme con gli uffici della Mobilità e con la Polizia locale, e cercheremo una possibile soluzione. Potremmo anche chiedere la collaborazione della scuola per sensibilizzare i genitori ad acquisire maggiore senso civico». Un tema dunque delicato e potenzialmente anche molto rischioso.
«La situazione non si differenzia da quella di molti altri istituti – commenta il comandante della polizia locale di Como, Donatello Ghezzo – Tante segnalazioni ci sono arrivate ad esempio dalla scuola di piazza IV Novembre ad Albate. Lì abbiamo sanzionato più volte i genitori in divieto di sosta, senza però ottenere risultati sul lungo periodo».
Si tratta dunque di situazioni che devono «essere gestite con buon senso e andrebbe anche ripensata la mobilità davanti agli edifici scolastici per impedire condotte di questo tipo e rendere più sicura l’uscita dei ragazzi. Non è facile coniugare le esigenze di tutti, ma cercheremo di valutare una possibile soluzione al problema», conclude il comandante Ghezzo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.