Cronaca, Politica, Territorio, Trasporti e viabilità

Pedemontana, lo stop del ministro. Le opposizioni sul piede di guerra

Il completamento della Pedemontana è di nuovo a rischio
Il completamento della Pedemontana è di nuovo a rischio

Dopo la Tav, anche la Pedemontana entra ufficialmente nel mirino del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli.

Ieri, in commissione lavori pubblici, l’esponente del Movimento 5 Stelle ha detto che «Il governo intende sottoporre a un’analisi costi-benefici non solo la linea ad alta velocità Torino-Lione ma anche la Gronda autostradale di Genova, l’Aeroporto di Firenze e la Pedemontana Lombarda».

Secondo Toninelli, «per le maggiori opere figlie della legge obiettivo del centrosinistra, l’intendimento del governo è di vagliarle con attenzione».
Una manovra che rappresenterebbe «l’esito razionale dell’accertato fallimento del passato, più che uno stravolgimento inatteso e imprevedibile dell’azione del governo».

La revisione annunciata dal ministro contempla «anche l’abbandono del progetto laddove sia dimostrato che il complesso dei costi è superiore a quello dei benefici».

La dichiarazione di Toninelli ha scatenato ovviamente le reazioni polemiche delle opposizioni.

Per Chiara Braga, deputata Pd, «dopo aver registrato la mancanza di qualsiasi impegno dei suoi sottosegretari su gratuità del primo lotto e completamento del secondo lotto della Tangenziale, abbiamo capito che la situazione è ancora più preoccupante. Anche Pedemontana lombarda rischia di finire sotto la scure dell’approssimazione e dell’incompetenza grillina, con l’effetto di lasciare a metà un’opera importante per il nostro territorio».

Alessio Butti, deputato di Fratelli d’Italia, ha contestato in commissione il ministro accusandolo di aver «rifilato al Parlamento una supercazzola. Sulle grandi opere la Lega dice una cosa, i 5 Stelle ne dicono un’altra. Si mettessero d’accordo e facciano chiarezza tra loro, anche perché le infrastrutture sono importanti. Toninelli – ha aggiunto Butti – sembra è il ministro del “day after”, quello che arriva dopo la bomba atomica. Ma solo una politica folle pensa di ricominciare ogni volta da zero».

2 agosto 2018

Info Autore

Dario Campione

Dario Campione dcampione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto