Perquisizioni antiterrorismo in provincia di Como: nel mirino Hezbollah

Al setaccio otto appartamenti e una associazione attiva sul territorio. Sequestrati molti documenti
(m.pev.) Il sospetto degli inquirenti è che persone collegate ad una cellula terroristica turca di Hezbollah con base a Terni, fossero attive anche in provincia di Como. Per questo gli uomini della Digos della questura di Como e di quella di Terni, nelle scorse ore hanno portato a termine una serie di perquisizioni in tutto il territorio lariano. Blitz in appartamenti e anche in una associazione che opera nella nostra provincia, sono stati effettuati a Olgiate Comasco, Gironico, Fino Mornasco, Cassina Rizzardi, Lurate Caccivio e Luisago. Al momento, non risultato indagate persone residenti sul Lario. Ma gli uomini della polizia hanno sequestrato una enorme mole di documenti che verranno tradotti nelle prossime ore e che potrebbero contenere elementi utili all’inchiesta. Il fascicolo della procura di Terni è aperto con l’ipotesi di reato di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Attività illecita che permetteva notevoli guadagni da “investire” poi nella causa di Hezbollah.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.