Perseguitava i vicini, arrestato 53enne

carcere Bassone

Minacce, molestie, disturbo alla quiete pubblica, persecuzioni nei confronti dei vicini di casa, spesso sotto l’effetto dell’alcol.
La polizia di Como, sabato, ha arrestato un italiano di 53 anni residente nel capoluogo. Era già noto alla Giustizia per reati contro la persona, il patrimonio e in materia di stupefacenti e ora è accusato di stalking per condotte messe in atto, in particolare, negli ultimi due mesi di quest’anno.
Il 53enne era solito ascoltare musica ad alto volume anche in orari notturni, impedendo al vicinato di dormire.
Numerosi sono stati gli interventi della Volante della polizia, chiamata soprattutto in orario serale e notturno dai vicini esasperati, che venivano minacciati solo perché chiedevano al 53enne di rispettare il quieto vivere. In alcuni casi era direttamente l’uomo a bussare alle porte dei condomini, con minacce di morte per aver chiamato la polizia e frasi ingiuriose per spaventarli.
In alcune occasioni, protagonista di comportamenti simili era stato anche il padre dell’arrestato, che durante le liti condominiali si era più volte schierato in difesa del figlio, minacciando i vicini di casa.
Gli investigatori hanno così ricostruito i diversi episodi e raccolto ulteriori testimonianze che hanno attestato lo stato di paura delle vittime. Questo ha consentito al giudice per le indagini preliminari di emettere, su richiesta del pubblico ministero titolare delle indagini, la misura cautelare nei confronti del 53enne, che è stato così arrestato e condotto al carcere del Bassone.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.