Politeama, teatro chiuso ma parcheggio aperto

alt

Interpellanza del consigliere Alessandro Rapinese
I posti auto sono stati affittati. I soldi vanno nelle casse della società di gestione

(a.cam.) Sfrattato il parcheggio abusivo, spazio a un nuovo parcheggio, questa volta regolare, più o meno con le stesse auto in sosta. Il cortile interno del Politeama continua a essere utilizzato come area di sosta. «La società che gestisce la struttura, con il consenso del Comune, ha deciso di affittare lo spazio, in modo da garantirsi un’entrata minima, necessaria per pagare le spese», dicono l’assessore al

Patrimonio, Marcello Iantorno e la collega al Bilancio, Giulia Pusterla.
La presenza delle auto nel cortile del Politeama è stata il bersaglio di un’interrogazione del consigliere comunale Alessandro Rapinese, della lista civica Adesso Como. L’esponente dell’opposizione ha chiesto chiarimenti sulle condizioni di accesso a un’area di proprietà di una società a maggioranza comunale, quindi pubblica.
«L’area era indebitamente adibita a parcheggio – dice Iantorno – Completata la restituzione forzosa degli spazi, la società Politeama ha deciso, con l’ok del Comune, di affittare gli stalli del cortile, che resta chiuso, a persone interessate. Si tratta di una misura temporanea, che permette un introito utile per le spese minime indispensabili».
«Abbiamo condiviso la scelta – aggiunge Pusterla – presa in autonomia da chi amministra la società». I posti a disposizione sono oltre 20, affittati con un contratto annuale per una cifra compresa tra i 1.000 e i 1.500 euro.
«Si tratta di una proprietà privata regolarmente affittata – sottolinea Andrea Passarelli, presidente della società di gestione del Politeama – Abbiamo stipulato contratti annuali firmati ad agosto. Di fatto, abbiamo “ereditato” gli automobilisti dalla precedente gestione. Li abbiamo contattati personalmente per capire se fossero interessati. Tutti gli spazi disponibili sono attualmente occupati».
Il consigliere comunale Rapinese contesta la procedura seguita nella gestione della vicenda. «Non discuto la buona fede e sono contento che finalmente si introitino legalmente alcune entrate – dice l’esponente dell’opposizione – È stato sbagliato, però, il metodo. La società Politeama è a maggioranza pubblica, era necessario, viste anche le questioni aperte in tema parcheggio, dare un’evidenza pubblica alla procedura per l’individuazione dei destinatari del parcheggio. Era necessario quindi fare una selezione trasparente. In questo modo, invece, probabilmente sono state premiate persone che utilizzavano il parcheggio senza averne davvero titolo. Sono un consigliere e vivo in centro e non sapevo nulla del parcheggio: occorre essere più attenti quando si amministra la cosa pubblica».

Nella foto:
Il cortile interno del Teatro Politeama, a Como, viene utilizzato come parcheggio. I posti auto sono stati regolarmente affittati a chi ne ha fatto richiesta

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.