Portogallo: commercialista comasco precipita dalla scogliera e muore

Portogallo

Tragedia in Portogallo. Un noto commercialista nato e cresciuto a Como, 52 anni, con studio associato in centro città in via Alessandro Manzoni, è morto dopo essere precipitato da una scogliera che si affaccia su Praia do Cavalinho tra Ribamar e il comune di Santo Isidoro, lungo la costa lusitana.
A darne notizia sono stati, il 30 dicembre scorso, giorno della tragedia, i quotidiani del posto. Notizia che nelle scorse ore è giunta in Italia, dopo essere passata dagli uffici dell’ambasciata.
La vittima, 52 anni, è Roberto Principi, che amava molto quella parte del Portogallo poco distante da Lisbona e caratterizzata da scenari incantevoli, spiagge selvagge e scogliere a picco sul mare. Un punto dove «la terra finisce e il mare comincia» che è anche il più occidentale del continente.
Il professionista comasco più volte in passato era stato in questa zona dell’estremo ovest dell’Europa, dove aveva molti amici. Nessuno tuttavia avrebbe assistito alla tragedia. Al momento della caduta, il commercialista comasco era da solo.
Il corpo senza vita del 52enne è stato visto sulla spiaggia e recuperato dai vigili del fuoco della municipalità di Mafra e di Ericeira.
In un primo momento non era stato escluso il tragico gesto, ipotesi che è poi stata accantonata. Non ci sarebbero elementi a supporto di questa pista, mentre si tratterebbe di una tragedia, avvenuta con modalità che tuttavia non sono note.
L’ambasciata italiana in Portogallo ha avvisato la famiglia tramite la Questura di Como. Il commercialista era molto noto in città. Condivideva uno studio associato in centro. Amante della mountain bike, aveva postato più volte – sui profili social – foto di quei panorami incantati del paese lusitano, tra Cabo de Roca (che è appunto il promontorio più occidentale d’Europa), Ericeira e Santo Isidoro. Scogliere a picco sull’oceano Atlantico che il 30 dicembre scorso l’hanno tradito.
Roberto Principi, classe 1967, era cresciuto frequentando la scuola media Baden Powell, poi il Caio Plinio e infine l’Università Cattolica di Milano. La salma verrà rimpatriata in questi giorni. Sulla vicenda è intervenuta anche la Polizia marittima di Ribamar. Il ritrovamento del corpo senza vita del turista comasco risale al tardo pomeriggio del 30 dicembre.
M.Pv.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.