Poste, Butti chiede a Passera di scongiurare la chiusura di Camnago Volta e Civiglio

Sportelli a rischio
La chiusura degli uffici postali di Camnago Volta e di Civiglio è al centro dell’interrogazione urgente inoltrata al ministro Corrado Passera dal senatore lariano del Pdl Alessio Butti. Lo stop ai due sportelli rientra nel più vasto piano di razionalizzazione messo a punto da Poste Italiane, che prevede la chiusura di 1.156 uffici su scala nazionale, di cui un’ottantina in Lombardia e 7 in provincia di Como: Camnago Volta, Civiglio, Lemna di Faggeto, Carlazzo, Cantù Asnago, Manera di Lomazzo
e Romanò Brianza a Inverigo.
Al ministro dello Sviluppo economico, che è stato anche amministratore delegato di Poste Italiane, il senatore Butti ricorda che «gli uffici di Camnago Volta e Civiglio già oggi prevedono un’apertura ridotta, per 3 giorni alla settimana, dalle 8.30 alle 14.30» e che «risultano particolarmente importanti per la loro specifica ubicazione, in due quartieri slegati dal centro città e poco serviti dai mezzi pubblici».
Per tali motivi Butti chiede a Passera di «intervenire per scongiurare la chiusura degli uffici postali in questione che costituiscono presidio insostituibile per le popolazioni interessate».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.