Premio Rosa Camuna 2019, domani il riconoscimento alla memoria di Arduino Francescucci

Arduino Francescucci

Il premio Rosa Camuna 2019 sarà consegnato domani alla memoria di Arduino Francescucci, storico presidente della Polisportiva Fino Mornasco, scomparso nello scorso mese di settembre. Il riconoscimento sarà ritirato dalla figlia.

“Arduino Francescucci – spiega Alessandro Fermi, comasco e presidente del Consiglio regionale lombardo – ha fatto tanto per animare lo sport in molte comunità del comasco, da Grandate a Cernobbio, oltre a Cadorago, il paese dove abitava. Arduino era sempre pronto ad aiutare le scuole e il volontariato; ha pensato e promosso donazioni e raccolte fondi, ad esempio in favore dei reparti ospedalieri, in particolare quello di oncologia dell’ospedale di Como. Un esempio e un riferimento per tutti”.

Le premiazioni si terranno domani, mercoledì 29 maggio, alle ore 17 nell’Auditorium Testori di Palazzo Lombardia, all’interno delle celebrazioni previste per la Festa della Lombardia.

Complessivamente quest’anno per il riconoscimento sono pervenute 174 candidature: sono stati assegnati cinque premi Rosa Camuna e 10 menzioni speciali. La commissione di giuria, presieduta dal presidente Fermi, ha convenuto unanimemente di assegnare il Premio Rosa Camuna anche all’astronauta milanese Paolo Angelo Nespoli, che ha partecipato a numerose missioni spaziali di carattere scientifico italiane ed estere, trascorrendo nello spazio 313 giorni; a Gabriele Micalizzi, fotoreporter milanese di recente ferito gravemente in Siria e già vincitore di numerosi premi giornalistici nazionali e internazionali; a Sofia Goggia, sciatrice bergamasca medaglia d’oro in discesa libera alle ultime Olimpiadi invernali di Pyeongchang nonché vincitrice della Coppa del Mondo di discesa libera, e a Maria Cristina Alberini, scienziata e ricercatrice cremonese autrice di numerosi studi pubblicati sulle più prestigiose riviste scientifiche internazionali, con particolare riferimento alle ricerche compiute sulla memoria e sui pazienti con disturbi cognitivi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.