Presunte violenze sulle pazienti: il medico è stato sospeso dall’ordine

Il tribunale di Como

Si è avvalso della facoltà di non rispondere, di fronte al giudice che lo interrogava, il 47enne medico del Porlezzese accusato dalla Procura di Como (pubblico ministero Valentina Mondovì) di sette presunti episodi di violenza sessuale su pazienti di studi in cui operava in sostituzione di tre suoi colleghi.

L’indagato – accompagnato dal suo avvocato Roberto Rallo – si è presentato in Tribunale a Como giusto il tempo di riferire della propria intenzione. Poche parole anche dal legale: «Non abbiamo nulla da dire in questo momento – ha commentato – Attendiamo lo sviluppo delle indagini difensive che faremo a breve».

Intanto il presidente dell’ordine dei medici, Gianluigi Spata, ha comunicato ieri che «come previsto dal nostro ordinamento, non appena c’è stata la conferma degli arresti domiciliari, il medico è stato temporaneamente sospeso e non può dunque esercitare la professione».

Maggiori dettagli sul Corriere di Como in edicola domani, mercoledì 21 agosto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.