Primarie Pd, sfida a due tra Livio e Gaffuri

alt Villa Saporiti Non ci sono altre candidature
Si vota sabato prossimo soltanto dalle 10 alle 19. Online il regolamento
Nessuna sorpresa nella corsa alle primarie per la presidenza di Villa Saporiti. La sfida annunciata tra Maria Rita Livio e Alberto Gaffuri è stata puntualmente confermata ieri pomeriggio con un comunicato ufficiale del Partito Democratico. I sindaci di Olgiate Comasco e di Albese con Cassano sono gli unici due amministratori comaschi ad avere presentato la propria candidatura per la guida della Provincia.
Sabato prossimo, dalle 10 alle 19, i consiglieri comunali e i sindaci lariani potranno

quindi esprimersi sui due nomi in lizza. Le primarie – che il Pd si ostina a chiamare semplicemente «consultazioni» – metteranno fine a qualche settimana di fibrillazione interna soprattutto ai Dem. Un periodo in cui il gruppo dirigente di via Regina si è trovato a fare i conti con la volontà molto decisa e determinata di Livio e Gaffuri a non abbandonare anzitempo la corsa alla presidenza di Villa Saporiti. La mediazione tentata a più riprese per far desistere uno dei due – in modo, così, da trovare una soluzione unitaria – non ha avuto esito positivo. Non sono, in questo senso, nemmeno servite le lunghe riunioni convocate in via Regina.
Alla fine, la strada delle primarie è parsa l’unica soluzione possibile. Peraltro, le primarie saranno aperte a tutta la platea elettorale degli aventi diritto, così come specificato nel regolamento che è già stato pubblicato online ieri pomeriggio proprio sul sito del Pd lariano (blogdem.it/como).
Modalità e organizzazione delle primarie per la presidenza della Provincia sono illustrate questa mattina in una conferenza stampa convocata dal comitato promotore. Leggendo il regolamento si può già anticipare che i seggi in cui votare saranno soltanto 7, uno per ciascuna zona territoriale, e resteranno aperti sabato prossimo, 13 settembre, dalle 10 alle 19. I seggi sono stati così dislocati: Como (nella sede della federazione provinciale Pd in via Regina), Erba (nella sede del circolo Pd di via Diaz), Nesso (in Biblioteca), Tremezzina (nella sala consiliare del vecchio municipio di Tremezzo), Mariano Comense (nella sede del circolo Pd di piazza del Curto), Olgiate Comasco (in municipio) e Lomazzo (sempre nella sede del circolo Pd, in via Varese). Le primarie saranno vinte dal candidato che ottiene più voti ma va ricordato come il peso degli elettori sarà diverso a seconda del numero di abitanti del Comune rappresentato.
Il consigliere comunale di Como, ad esempio, porterà in dote un numero di preferenze enormemente superiore di quelle attribuite a un consigliere dei piccoli Comuni del lago.
La ponderazione del voto di ciascun consigliere sarà fatta dal comitato organizzatore e a ciascun elettore verranno consegnate schede di colore diverso. Sempre domani, si riunisce nuovamente anche il gruppo promotore della lista civica guidata, tra gli altri, dai sindaci di Cantù e di Fino Mornasco. L’obiettivo dichiarato è trovare un candidato per la presidenza e avviare la raccolta di firme tra i consiglieri comunali lariani. Ne servono ben 261.
«Ci proveremo – dice Giuseppe Napoli, portavoce del gruppo – Ma senza alcun assillo. Se non dovessimo riuscirci vorrà dire che presenteremo soltanto la lista per il consiglio».

Nella foto:
Maria Rita Livio

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.