Cronaca

Raffica di furti, in manette ucraino di 19 anni

alt Colpi messi a segno nel Triangolo Lariano
Saccheggiati un cantiere, un minimarket, un’abitazione e rubate due macchine

(a.cam.) In poche ore hanno rubato attrezzi edili in un cantiere, generi alimentari in un minimarket, alcolici in un’abitazione privata e due macchine parcheggiate davanti a casa dai rispettivi proprietari. Una serie di furti bloccata dall’intervento dei carabinieri di Asso, che hanno arrestato un ucraino di 19 anni e denunciato il suo complice, un georgiano di 29 anni.
A far scattare il blitz, sabato scorso, è stato l’ultimo dei derubati, un 35enne di Zelbio. L’uomo ha chiamato i carabinieri

per denunciare il furto della sua Fiat Sedici e ha spiegato che il ladro era fuggito verso il Pian del Tivano. I militari dell’Arma hanno subito avviato le ricerche, con numerosi posti di blocco nella zona.
L’auto rubata è stata individuata e fermata dalla pattuglia della stazione di Asso sulla provinciale 44, tra Rezzago e Sormano. Mentre arrestavano il ladro, che peraltro non aveva mai conseguito la patente, i carabinieri hanno notato una seconda vettura, una Fiat Idea, che, alla vista dei militari, invertiva la marcia e tentava la fuga. Da una verifica sulla targa, i carabinieri hanno accertato che anche questa auto era stata rubata poco prima, a Lezzeno.
Le ricerche sono scattate immediatamente e la macchina è stata trovata abbandonata ad Asso, in località Gemù, da una pattuglia di militari dell’Arma di Pognana Lario.
Sull’auto, poi restituita al proprietario, i carabinieri hanno trovato attrezzature per l’edilizia e il bricolage, generi alimentari e bottiglie di alcolici. La merce era il bottino di due furti messi a segno poco prima ai danni di un minimarket e di una cantina di un’abitazione, entrambi a Zelbio. Le immagini del circuito di videosorveglianza del negozio hanno permesso di accertare che il responsabile era il 19enne ucraino già arrestato per il furto d’auto. Non ancora identificato, invece, il proprietario dell’attrezzatura edile.

Nella foto:
Parte della refurtiva recuperata. Il proprietario degli attrezzi edili non è ancora stato individuato
5 Nov 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto