Rapina all’interno della stazione degli autobus a Sant’Agostino

Polizia lungolago Como

Avrebbe atteso che l’uomo addetto alla biglietteria si allontanasse dal suo posto, per poi entrare nell’ufficio e prendere lo zaino che conteneva soldi e documenti. Un tentativo che sarebbe però stato subito scoperto e bloccato, dando il via ad una reazione che avrebbe costretto a chiamare sul posto le volanti della Polizia di Stato. Un 32enne di origine marocchina, residente a Schignano, è stato arrestato e processato ieri per direttissima.

Ha chiesto i termini a difesa per valutare come muoversi da un punto di vista difensivo, e tornerà in aula il prossimo 28 ottobre. La Procura di Como gli contesta la rapina impropria. Nel frattempo, in attesa dell’udienza, il giudice ha disposto la custodia cautelare ai domiciliari nella casa della madre, anche lei italiana di origine marocchina.

Il fatto sarebbe avvenuto nel pomeriggio di venerdì a Sant’Agostino, all’interno della stazione degli autobus di Asf. Da quanto è stato possibile ricostruire, il 32enne si trovava proprio all’interno della sala d’attesa. Quando l’uomo presente in biglietteria si è allontanato (per pochi attimi) il sospettato sarebbe entrato in azione rubando lo zaino che c’era nell’ufficio. Una scena che tra l’altro sarebbe stata vista da una addetta alle pulizie che si trovava nella stazione degli autobus.

Il proprietario dello zaino sarebbe intervenuto, bloccando il 32enne e chiedendogli cosa ci facesse con la sua borsa. Sarebbe nato a questo punto un litigio acceso che avrebbe costretto a chiamare la polizia di Stato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.