Referendum, al voto 471mila comaschi

Como dall'alto

Dieci paesi chiamati ad eleggere sindaco e consiglio comunale. E l’intera provincia al voto per il referendum costituzionale sulla riduzione del numero dei parlamentari. Sul sito della Prefettura di Como sono stati pubblicati i numeri della tornata elettorale del prossimo 20 settembre.

Nei 148 Comuni lariani saranno insediati 551 seggi e saranno chiamati alle urne 471.028 cittadini. Come sempre, le donne sono in numero maggiore rispetto agli uomini: 240.904 (pari al 51,14%) contro 230.124 (48,86%).
Nonostante le molte aggregazioni degli ultimi anni, la provincia comasca si conferma tra le più frammentate dal punto di vista amministrativo. I piccoli e piccolissimi comuni sono ancora molto numerosi: 8 di essi non superano i 200 elettori, 20 ne hanno meno di 500 e altri 20 meno di mille.
Sul podio dei micro-paesi salgono quest’anno Val Rezzo, con 132 elettori, Zelbio (137) e Livo (144). Curiosamente, in tutti e tre questi piccoli comuni la componente maschile dell’elettorato è maggiore rispetto a quella femminile. In realtà, sono ben 51 i paesi in cui votano più uomini che donne, 2 invece quelli che registrano una “parità” di genere: Binago (1.941 elettori donne e 1.941 elettori uomini) e San Siro (731 donne e 731 uomini).
Sono 10, come detto, i municipi lariani nei quali oltre al referendum si voterà anche per il rinnovo delle cariche amministrative. Quattro di essi sono attualmente commissariati: Lambrugo, Plesio, Valsolda e Campione d’Italia. L’enclave non ha un sindaco da due anni e appare molto difficile l’ipotesi che qualcuno si candidi. Il Comune è in dissesto finanziario e non approva il bilancio preventivo da tre esercizi.

Gli altri 6 paesi in cui si eleggeranno sindaco e consiglio sono Asso, Casnate con Bernate, Domaso, Lipomo, Montorfano e Turate. Quest’ultimo è il più popoloso (supera infatti i 9mila residenti), Plesio invece il più piccolo.
Il 20 settembre si vota in tutta la provincia per il referendum costituzionale sulla riduzione dei parlamentari

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.