Riparte oggi la Funicolare per Brunate

Funicolare Como Brunate

Riprende da questa mattina il servizio della Funicolare da Como e Brunate e viceversa.
Il Cpt (Consorzio pubblici trasporti) aveva infatti programmato due mesi di stop per le opere di manutenzione straordinaria.
Si tratta di interventi programmati e obbligatori ogni venti anni per tutti gli impianti con trazione attraverso la fune.
L’ultima corsa era stata quella della sera dello scorso 10 gennaio e da oggi, come da cronoprogramma, si riparte con la funicolare e di conseguenza viene sospeso il servizio sostitutivo attraverso gli autobus tra il capoluogo e Brunate. Certo, non sono attese le folle per salire al balcone di Como. Quelle degli anni pre-pandemia, tanto per intenderci, per il lungo ponte pasquale. Già lo scorso anno il periodo più propizio per le gite a Brunate, al Faro Voltiano e alla baite cadde infatti durante il lockdown.
La zona rossa vieta gli spostamenti da un comune all’altro se non per motivi di lavoro, studio o esigenze particolari. Gli addetti della Funicolare si occuperanno di far rispettare le norme del contingentamento prefissate, così come avviene sui treni. Atm (Azienda Trasporti Milanesi S.p.A), che dal luglio 2005 gestisce l’impianto, aveva già attivato una serie di procedure nei mesi scorsi per evitare assembramenti in biglietteria. Una piattaforma consente di prenotare a distanza la risalita o la discesa nella fascia oraria desiderata. Il biglietto si può acquistare nei totem all’esterno delle due stazioni. Il servizio di funicolare è stato inaugurato nel lontano 1894. La manutenzione straordinaria delle carrozze, già di ultima generazione, ha riguardato i portelloni, in modo da consentire una migliore areazione nei viaggi. Con il grande caldo e l’esposizione al sole delle carrozze per tutto il tragitto, anche i soli sette minuti di percorso per coprire un dislivello di quasi 500 metri tra Como e Brunate potevano sembrare lunghi.
Revisionato anche l’impianto frenante e tutta la linea, di circa un chilometro, con pendenze fino al 55%. L’intervento è costato oltre 700mila euro. Da oggi la ripresa delle corse con l’orario primaverile.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.