Abbandono e competenze, le crepe del sistema scuola

opinioni e commenti di adria bartolich

di Adria Bartolich

Non c’è dubbio che l’abbandono precoce degli studi costituisca a tutti gli effetti un fallimento educativo.  Dopo molti sforzi l’Italia si attesta su una media del 14% di abbandoni, dietro  solo alla Spagna tra i Paesi di prima adesione all’Unione Europea e  al quarto posto se consideriamo anche i Paesi di ultima adesione.  Il dato si è fortemente abbassato – grazie a interventi mirati alla riduzione della dispersione scolastica – nell’ultimo decennio di ben quattro punti percentuali, ma lo sforzo non è stato sufficiente  per raggiungere l’obiettivo  del 10% fissato dalla Ue.

Se poi analizziamo i dati  incrociandoli, vediamo che  gli abbandoni riguardano soprattutto le scuole professionali, gli studenti che provengono da famiglie disagiate, dalle  aree povere e dalle  regioni del Sud; queste ultime fanno registrare  quasi il 19% di abbandoni (con le punte alte della Sardegna  oltre il 21%, della Sicilia al 20%, di Campania al 19% e Puglia al 18,6 %) mentre il  Nord Ovest è quasi al 12%, il Nord Est al 10,3% e il Centro al 10,7 %.

E anche all’interno delle macroaree ci sono delle differenze in alcuni casi abbastanza importanti, sia in negativo che in positivo. Ad esempio, Catania e Caltanissetta superano il 25% , Napoli è al 22% e Avellino all’8%, addirittura al di sotto dell’obiettivo  dell’Unione Europea, così come Oristano, a meno del 10%.

Si può quindi azzardare l’ipotesi che, parametri oggettivi a parte, molto possano fare le politiche scolastiche anche locali. La ragione più forte per la quale si sostiene la necessità di un sistema dell’istruzione  pubblico si basa principalmente su due pilastri: la scuola deve essere accessibile a tutti e il sistema nazionale unico garantisce un’omogeneità del servizio, delle conoscenze e delle opportunità. Sono capisaldi condivisibili ma che nella pratica trovano difficoltà a realizzarsi.

Se si fa un ulteriore sforzo di approfondimento nella lettura dei dati e si incrociano le cifre relative alla dispersione scolastica con i dati sulle competenze,  vediamo che le disparità sono molto accentuate  a seconda delle zone e seguono, a grandi linee, l’andamento degli abbandoni.

Cioè non soltanto in alcune zone c’è più dispersione scolastica ma coloro che non sono dispersi, fatto salvo le eccezioni,  possiedono  mediamente conoscenze e competenze più scarse,  a fronte di parametri per la destinazione delle risorse uguali in tutta Italia, anzi con l’aggiunta di fondi europei e finanziamenti integrativi per le aree a rischio.

In altre parole, nel sistema scolastico nazionale ci sono delle crepe  che vanno affrontate e riparate  al più presto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.